Home page | Archivio Notizie | Pagina corrente: Legge di Bilancio 2018, le...
Notizie

Legge di Bilancio 2018, le novità per l'edilizia e i "beni significativi"

31 gennaio 2018 | Categoria: Assimprese news
Legge di Bilancio edilizia beni significativi
La Legge di Bilancio 2018 ha modificato la norma, per le prestazioni in edilizia riferite a manutenzioni ordinarie e straordinarie, relativa al corretto trattamento dei "beni significativi", cioè quei beni finiti il cui valore è prevalente rispetto al valore della prestazione. Tra le disposizioni approvate, una in particolare fornisce un'interpretazione autentica della norma che disciplina l'aliquota Iva agevolata al 10%.

La determinazione del valore dei 'beni significativi' deve essere effettuata sulla base dell'autonomia funzionale delle parti staccate rispetto al manufatto principale. La fattura emessa dal prestatore che realizza l'intervento di recupero agevolato deve indicare, oltre al servizio oggetto della prestazione, anche il valore dei beni di valore significativo.

Per quanto riguarda i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, le cessioni di beni sono assoggettate all'aliquota Iva ridotta, se la relativa fornitura è posta in essere nell'ambito del contratto di appalto. Tuttavia, quando l'appaltatore fornisce beni di valore significativo, l'aliquota ridotta si applica ai predetti beni soltanto fino a concorrenza del valore della prestazione considerato al netto del valore dei beni stessi.

Il valore dei predetti beni, risultante dal contratto, deve tener conto solo di tutti gli oneri che concorrono alla produzione dei beni stessi, materie prime e manodopera, che comunque non può essere inferiore al prezzo di acquisto dei beni. 

Un chiarimento dell'Agenzia delle Entrate risponde alla domanda se le componenti e le parti staccate dall'infisso, come ad esempio le tapparelle e i materiali di consumo utilizzati in fase di montaggio, possano essere considerati come non facenti parte dell'infisso e, ai fini dell'applicazione dell'aliquota agevolata del 10%, possano essere trattati al pari della prestazione di servizio.

L'Agenzia ritiene che, ove nel quadro dell'intervento di installazione degli infissi siano forniti anche componenti e parti staccate degli stessi, sia necessario verificare se tali parti siano connotate o meno da una autonomia funzionale rispetto al manufatto principale. In presenza di detta autonomia il componente, o la parte staccata, non deve essere ricompresa nel valore dell'infisso, ai fini della verifica della quota di valore eventualmente non agevolabile. Se il componente o la parte staccata concorre alla normale funzionalità dell'infisso, invece, deve ritenersi come parte integrante dell'infisso stesso. In tale ipotesi, il valore del componente o della parte staccata deve confluire, ai fini della determinazione del limite cui applicare l'agevolazione, nel valore dei beni significativi e non nel valore della prestazione.

Per maggiori informazioni non esitare a contattare il nostro ufficio più vicino a te